A Monza arriva il primo k.o. stagionale. Sconfitta al tie-break

66
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Prima sconfitta stagionale per la Igor Volley di Massimo Barbolini, che cade ai vantaggi del tie-break alla Candy Arena di Monza, contro le brianzole allenate da Luciano Pedullà. Decisiva la prestazione di Ortolani (28 punti per lei e il titolo di Mvp) e l’ingresso in campo di Orthmann (10 punti e 55% in attacco). Tra le azzurre, prestazione “monstre” di Lauren Gibbemeyer con 17 punti e 8 muri vincenti e gran contributo di Plak, top scorer novarese, con 24 punti e il 48% in attacco.

Pedullà sceglie Ortolani in diagonale alla regista Hancock, Candi e Dixon al centro, Begic e Loda in banda e Arcangeli libero; Barbolini si affida a Egonu opposta a Skorupa, Gibbemeyer e Bonifacio al centro, Enright e Piccinini in banda e Sansonna libero.

Positivo l’approccio alla gara della Igor, che si porta subito avanti 4-6 con un tocco astuto di Egonu e poi “doppiano” Monza 4-8 sull’errore di Ortolani che porta Pedullà al timeout. Le azzurre mantengono le distanze fino al 9-13 (muro di Gibbemeyer), ma sul turno in battuta di Loda le brianzole rientrano e sorpassano (14-13) con il muro di Dixon su Enright e poco dopo, con due ace di Begic, scappano addirittura 20-16 con Barbolini che usa entrambi i timeout a disposizione. Il tecnico azzurro cambia diagonale e Novara rientra 20-19 prima del nuovo break delle padrone di casa che vale il 23-19; la reazione azzurra è affidata a Gibbemeyer (23-22) ma Monza chiude 25-23 con il primo tempo di Dixon.

Novara riparte con Plak in sestetto e l’olandese fa il primo break con due maniout (0-2) cui replicano le brianzole con Begic protagonista (7-4) e Barbolini costretto a fermare subito il gioco; al ritorno in campo Piccinini e Chirichella, appena entrata, ricuciono 11-10 con il muro di Egonu su Begic che vale la parità a quota 12. Tocca ancora a Begic rompere il testa a testa con l’ace del 18-15, Barbolini cambia diagonale e Novara prima ricuce con Plak (19-19, diagonale), poi sorpassa con Vasilantonaki sul 20-21. Torna avanti Monza con la neo-entrata Orthmann, ma da 23-21 Plak e Gibbemeyer, con due muri vincenti, rientrano di prepotenza 23-23 e poco dopo un’altra “stampata” di Egonu su Begic vale il 23-24 e il set ball azzurro. Ai vantaggi Monza annulla due volte, poi un altro muro, di Chirichella, chiude il parziale sul 25-27.

C’è Chirichella nel sestetto azzurro ed è lei a propiziare in battuta (1-5, ace) il break che costringe Pedullà al timeout e all’innesto di Orthmann; Gibbemeyer è scatenata: prima va a segno in fast (3-7), poi a muro e in primo tempo per il 4-9 cui replicano Hancock e Candi (7-9) sfruttando il turno in battuta di Begic. Novara mantiene le distanze (7-11, poi 8-13) ma Monza rientra nella seconda parte del set con Ortolani (15-17) e Hancock a segno di seconda intenzione (16-18). Le padrone di casa rientrano da 16-19 fino alla parità con il muro di Dixon su Plak, che poi spezza il ritmo alle avversarie firmando il 19-20; ancora Gibbemeyer per il break del 20-22 (gran muro su Dixon) e dopo il timeout di Pedullà sono Egonu e Piccinini a conquistare il set ball sul 21-24: chiude ancora Gibbemeyer murando Begic, 21-25.

Monza si affida a Orthmann ma Novara parte forte e scappa 4-7 con Egonu e poi 5-10 con il primo tempo vincente di Chirichella, mentre Pedullà ferma subito il gioco; rientrano le padrone di casa, che accorciano 10-12 e poi 13-14 con due punti di Candi e dopo il timeout di Barbolini le azzurre riprendono il cammino portandosi sul 14-17 con Egonu a segno in diagonale. Monza reagisce e fa 18-18 con Ortolani, poi sorpassa sul servizio di Orthmann e si porta addirittura 20-18 con Novara costretta a inseguire; Ortolani attacca in rete (21-21) nel testa a testa Orthmann guadagna il set ball (24-23) ed Egonu annulla, poi la tedesca sbaglia (24-25) e l’inerzia passa alle azzurre che hanno il match ball. Dopo il timeout di Pedullà, Monza non sbaglia più: Ortolani impatta e poco dopo un errore in attacco di Egonu vale il 27-25 finale.

Il tie-break è una grande battaglia, aperta da due break della Igor, che si porta 2-5 con il muro di Egonu e poi gira 5-8 a metà parziale con la pipe di Plak; al cambio campo, Monza rientra sul servizio di Candi e prima impatta con Orthmann, poi sorpassa con una gran diagonale della tedesca (9-8). Un muro di Chirichella riporta in vantaggio le azzurre (9-10), ma Ortolani sorpassa in parallela (12-11) e poi conquista il match ball in diagonale costringendo Barbolini al timeout: Plak annulla il primo, poi due punti in fila di Ortolani chiudono il match 16-14.

Massimo Barbolini (allenatore Igor Volley): “Monza ha disputato un’ottima partita e ci ha messe in difficoltà a partire dal servizio. Avremmo potuto chiudere 1-3 ed è un peccato aver perso la prima partita stagionale al tie-break ma credo non sia il caso di fare drammi visto che a oggi tutte le squadre hanno perso almeno una partita. Ora ci aspettano due partite importanti con Conegliano”.

Cristina Chirichella (centrale Igor Volley): “Complimenti a Monza che ha disputato una grandissima partita, tirando a cento all’ora ogni pallone, a partire dalla battuta. Complimenti a loro, per noi c’è il rammarico per la prima sconfitta stagionale, e per non essere riuscite a chiudere a nostro favore la partita”.


Saugella Team Monza – Igor Volley Novara 3-2 (25-23, 25-27, 21-25, 27-25, 16-14)

Saugella Team Monza: Ortolani 28, Orthmann 10, Arcangeli (L), Balboni ne, Dixon 14, Devetag, Candi 8, Begic 18, Bonvicini ne, Hancock 6, Havelkova ne, Loda 3, Rastelli ne. All. Pedullà.

Igor Volley Novara: Vasilantonaki 2, Camera, Plak 24, Gibbemeyer 17, Enright 2, Skorupa, Bonifacio 1, Chirichella 9, Sansonna (L), Piccinini 12, Zannoni, Egonu 21. All. Barbolini.