Azzurre a segno anche a Urbino

45
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Tredicesimo centro in campionato per la Igor Volley di Luciano Pedullà, che espugna Urbino e si porta a quota 39 in partita, in attesa dei risultati dei match di domani. Campionato che si ferma per una settimana per lasciar spazio alla Coppa Italia: domenica prossima le gare d’andata dei quarti di finale (Igor a Montichiari alle 18) e il mercoledì successivo, 4 febbraio, il ritorno (Igor al Pala Terdoppio, alle 20.30, sempre contro Montichiari).
 
Pedullà si affida a Barun opposta a Signorile (al rientro dopo l’influenza), Chirichella e Guiggi al centro, Hill e Partenio (con Klineman ancora a riposo) in banda e Sansonna libero. Padrone di casa schierate da De Brandt con Spelman opposta ad Agostinetto, Leggs e Walker al centro, Santini e Lestini in banda e Bruno libero.
 
L’avvio di partita è subito di marca azzurra, con Hill che firma il primo break (2-6) prontamente rintuzzata da Spelman che ricuce il gap, con le azzurre avanti di misura 10-12 al primo timeout tecnico. Partenio e Guiggi mantengono le distanze, Hill allunga 14-17 in attacco e Santini risponde con la parallela del 19-20 che riapre i giochi, chiusi poco dopo dal turno in battuta di Barun: l’opposto croato propizia il break (con tanto di ace del 20-24) che chiude il set sull’attacco intelligente di Partenio (20-25).
 
Si riparte testa a testa, con Guiggi (fast) e Santini (maniout) che duellano (5-5) prima del bolide di Barun e della doppietta (muro e attacco) di Hill che costringono, sul 6-9, De Brandt al timeout. Al ritorno in campo, la Igor scappa con Chirichella (muro su Leggs) fino al 7-12 al timeout tecnico che diventa 10-16 con l’uno-due di Guiggi (muro e fast) mentre De Brandt spende il secondo timeout. Novara non si ferma più: Barun picchia segna tre punti in rapida successione e conquista il set-ball sul 17-24, Guiggi chiude il set con un muro su Walker al primo tentativo utile.
 
Ancora un muro di Guiggi, stavolta su Spelman, apre il terzo parziale e lo “stop” di Chirichella sull’attacco di Lestini vale il rapido 6-10 che porta De Brandt a chiamare timeout. Proprio Chirichella allunga in fast (6-11), poi Barun porta le squadre al timeout tecnico sul 7-12 con una diagonale vincente; al ritorno in campo è proprio la croata, con l’ennesimo turno positivo in battuta, a propiziare (con anche un ace), coadiuvata da Signorile, il 9-15. Il break decisivo lo piazza poi Signorile (attacco, poi ace) e solo sul 12-20 Novara rallenta leggermente, trovando comunque il match ball con Hill (19-24) e il colpo da tre punti sull’attacco in diagonale di Partenio (20-25).
 
Per la Igor, ora, due giorni di riposo e la ripresa degli allenamenti fissata per martedì mattina.
 
ROBUR URBINO – IGOR VOLLEY NOVARA 0-3 (20-25, 17-25, 20-25)
Urbino: Zecchin ne, Agostinetto 2, Bruno (L), Fresco 1, Vujko 1, Santini 12, Lestini 11, Walker 5, Spelman 7, Giacomel, Leggs 2. All. De Brandt.
Igor Volley: Partenio 14, Klineman, Kim ne, Guiggi 11, Bonifacio, Chirichella 6, Sansonna (L), Alberti, Signorile 3, Hill 14, Barun 13, Zanette ne. All. Pedullà.