B1, domani la trasferta di Cuneo

51
AGIL Volley - Immagine non disponibile

È tutto pronto per la quinta giornata di serie B1, che vedrà impegnate le ragazze di Matteo Ingratta nella difficile trasferta domenicale (inizio ore 18.00), di Cuneo. Di fronte le azzurre vedranno una PreBanca esperta e decisa a mantenere il primo posto in classifica, condito dalll’imbattibilità delle prime quattro apparizioni. La Igor dal suo canto dovrà provare a riscattare la prova opaca di settimana scorsa, in un match che si preannuncia  tutt’altro che semplice.
 
«Sarà una partita molto complicata – spiega la centrale azzurra Noura Mabilo – a differenza nostra Cuneo è una squadra molto esperta e, i dodici punti in classifica lo dimostrano. Di fronte a questo tipo di gare dovremo cercare di avere più continuità possibile, provando ad uscire rapidamente da situazioni difficili».
 
Le azzurre sono alla ricerca di risultati e fiducia dopo un primo scorcio di stagione poco fortunato: «Questa prima parte di stagione – racconta Mabilo – non è stata molto positiva in termini di risultati ma, sinceramente era preventivabile. In diversi momenti si sono viste delle cose bellissime e grandi prestazioni, come per esempio la partita casalinga contro Mondovì, purtroppo però non siamo riuscite a dare continuità. Il gruppo è completamente nuovo e molte di noi hanno poca esperienza e credo sia normale un inizio di questo tipo. Siamo consapevoli delle nostre qualità, possiamo dimostrare molto, in primis a noi stesse. L’entusiasmo non deve mai mancare».
 
Quell’entusiasmo che di certo non  manca a Mabilo, impegnata sia con la serie A1 che, in B1: «Il doppio ruolo mi gratifica molto – commenta – in serie B1 sono la più grande del gruppo, io provo a dare una mano alle compagne più giovani e, lo stesso fanno loro con me. Per quanto riguarda la serie A invece, non è stato facile all’inizio adattarsi al ritmo degli allenamenti ma, devo dire che tutte le compagne hanno cercato di mettermi a mio agio. Questo è fondamentale per poter lavorar bene. La cosa più difficile è passare da un buon livello della serie B, ad uno altissimo come quello della serie A, nel giro di qualche giorno o addirittura di qualche ora. Sono molto contenta e spero di sfruttare questa opportunità al meglio».