B1, salvezza ipotecata

48
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Torna alla vittoria tra le mura amiche del Pala Agil la formazione di serie B1, che batte 3-0 la Bracco Pro Patria Milano, mettendo così al sicuro la permanenza in categoria, manca infatti ormai solo un punto alla compagine di Ingratta per raggiungere la salvezza matematica.

La Igor  orfana di Bartesaghi ancora ferma ai box per infortunio, scende in campo con Anzanello opposta a Bosio, Tajè e Schirò al centro, Masciullo e Bosetti in banda e Zannoni libero.

L’avvio di gara è equilibrato, le azzurre  si fanno sentire a muro con Anzanello, Bosetti e Schirò, Tajè rompe gli equilibri (8-6). È ancora la Igor ad allungare con il mani fuori di Bosetti (14-9), e in un batter d’occhio Anzanello sigla il 16-11 che vale il secondo timeout tecnico.

Un grande intervento di Zannoni da il là al punto di Masciullo (19-12), la Pro Patria non riesce a reagire, ed è ancora capitan Masciullo a non  farsi pregare (23-13); l’errore in battuta di Bateman poco dopo, mette la parola fine al set (25-14).

L’inizio di secondo set è un assolo firmato Igor (4-1), alla prima interruzione obbligatoria le azzurre conducono 8-4, grazie al muro di Tajè; Milano però torna a rendersi pericolosa con un parziale di 4-0, che riapre i giochi (11-10), le ospiti a questo punto effettuano il sorpasso costringendo Ingratta a chiamare timeout (11-13). La battuta di Colombo mette in difficoltà la ricezione azzurra (13-17), entra Populini per Masciullo, Bosio e il doppio muro consecutivo di Schirò ristabiliscono la parità (17-17). Ancora Bosio a muro, dopo un’interminabile azione firma il 21-17, Anzanello al servizio mette a terra il punto del 24-17, e Populini chiude anche il secondo set 25-18.

Nella terza frazione, Anzanello e Populini stabiliscono subito le distanze (3-0), al timeout tecnico, il tabellone segna l’8-2 in favore delle azzurre, un altro parziale da parte delle milanesi però, riporta il risultato in parità (9-9), ma è nuovamente la Igor a strappare (16-11). Passato il momento critico, le igorine tornano ad amministrare senza particolari patemi (22-13), chiudendo poco dopo la pratica con  Bosetti (25-14).

 

IGOR VOLLEY – BRACCO PRO PATRIA  (25-14, 25-18, 25-14)
Igor Volley: Anzanello 11, Marangon (L) ne, Gullì ne, Courroux ne, Formaggio ne, Bosetti 13, Masciullo 8, Rivetti ne, Populini 7, Schirò 7, Zannoni (L), Miolo ne, Bosio 6, Tajè 4. All. Ingratta.
Bracco Pro Patria: Fusari, Bettini, Colombo 10, Traballi 3, Venturini 3, Giobbe 3, Bassani 5, Sollazzo (L), Bateman 1. All. Brugnone.