B2, i primi rinnovi ed il commento del direttore tecnico Ingratta

54
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Una stagione in b1 combattuta sul campo fino all’ultima giornata di campionato, poi lo stesso gruppo (ad eccezione di Sgarbossa, unica over classe ’97) ha conquistato lo storico terzo posto nazionale in under 18. Quella dello scorso anno è stata una bellissima cavalcata che ha visto emergere e crescere tante giovani atlete al cospetto di coach Ingratta. Proprio sul filo della continuità il prossimo campionato di serie b2 ripartirà dalla regista Marta Gullì e dalla schiacciatrice Alessia Populini, quest’ultima a disposizione anche dell’under 18.

 

A tirare le fila sulla stagione passata è il direttore tecnico Matteo Ingratta.

“Credo non ci possano essere dubbi da parte di nessuno, penso sia stata una stagione stupenda, non a detta mia, ma di tutto l’ambiente. Ne è la dimostrazione lampante la crescita impressionante delle singole atlete. Ognuna è stata bravissima a mettere a disposizione del gruppo le proprie qualità individuali, creando un circolo virtuoso in cui si sono esaltati a vicenda atleta e squadra. Ad inizio stagione sembrava impensabile raggiungere certi valori di atlete di primissima fascia ed invece le ragazze sono state bravissime a colmare il grandissimo gap che c’era ad inizio stagione con le pari età. Credo che il culmine sia stato raggiunto con la prestazione memorabile in finale regionale contro Settimo, da lì poi c’è stata un’ulteriore spinta che a portato a tutti lo storico bronzo nazionale. Ritengo che non si potesse chiedere di più a questo gruppo”.

 

Un crescendo di tutto il gruppo sia a livello tecnico che mentale. A chi vanno i meriti?

“I meriti sono solito suddividerli in parti uguali, tra la società che ha permesso tutto ciò e che ci ha messo a disposizione un buon parco atlete, concedendoci di lavorare quotidianamente, nelle migliori condizioni; ed alle ragazze che sono sempre la parte determinante quando di raggiungono certi traguardi. Sono loro le protagoniste della scena sul campo e sono sempre loro che ci hanno dato dentro dall’inizio alla fine, risolvendo delle situazioni molto complicate, superando ostacoli molto difficili e sconfiggendo avversari quasi imbattibili. Tutto questo lo hanno fatto insieme, da vera squadra. Un ultimo pezzo del merito va anche a tutto il mio staff, che ci tengo a sottolineare di alta qualità e di una disponibilità infinita. Solo con queste basi ed un obiettivo comune si possono raggiungere certi risultati. Penso fermamente che il lavoro quotidiano da squadra paga sempre ed il confronto e la collaborazione reciproca è fondamentale per una crescita continua.”

 

Ed ora si pensa alla prossima stagione in B2

“Come nostro solito partiamo sempre da noi, tanto più in una stagione come questa dove gli avversari sono meno conosciuti rispetto agli scorsi anni. Sono poche le squadre che abbiamo già incontrato ed altre stanno ancora completando l’organico. Al momento è prematuro pensare già agli avversari. L’obiettivo rimane puntato su di noi. Portare le nostre giovani più in alto possibile e giocare per la squadra. La scorsa stagione abbiamo raggiunto un ottimo livello sotto questo punto di vista e da qui vogliamo ripartire per crescere ancora.”

 

I primi due volti di questa nuova B2 sono le riconferme di Marta Gullì ed Alessia Populini. Cosa vi ha spinto a riconfermarle?

“Non mi piace mai parlare di singole atlete. Preferisco riflettere sul salto immenso che hanno fatto queste due ragazze negli ultimi 10 mesi di lavoro, per meriti soprattutto loro. Marta ed Alessia si sono totalmente trasformate da inizio stagione, così come è accaduto al resto del gruppo e questa è la cosa che più ci ha colpito. Entrambe hanno ancora margini di miglioramento e crediamo  che un altro anno a Novara possa far bene sia a loro che a noi. In quest’ottica si è pensato di farle completare un percorso importante che le consegnerà nel modo migliore alla ‘Pallavolo dei grandi”.

Nei prossimi giorni l'intervista doppia alle due atlete.