B2, intervista doppia a Marta Gullì ed Alessia Populini

45
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Fresche di riconferma nel nuovo organico della serie B2, conosciamo meglio la palleggiatrice Marta Gullì (classe 1999) e la schiacciatrice Alessia Populini (classe 2000).

 

Ciao ragazze, iniziamo questa breve intervista doppia con una domanda sulla stagione appena conclusa. Cosa vi è rimasto di questo ultimo anno con la maglia dell’Igor Volley Novara?

Marta: “Sicuramente  ci sono rimaste tante emozioni sia positive che negative. In questa stagione appena conclusa abbiamo affrontato momenti bui dove le vittorie sembravano non arrivare mai, ma ciò non ci ha abbattuto! Anzi, ci ha dato la forza per andare avanti lavorando sempre più duramente ottenendo quelle tre fantastiche vittorie: ultima partita di campionato della B1, finale regionale e finale terzo posto alle nazionali.”

Alessia: “Credo che l'anno appena concluso sia stato uno dei miei migliori anni in carriera, sia per il gruppo che si è andato a creare, sia per gli obiettivi che abbiamo raggiunto come l’importante terzo posto nazionale in under 18 frutto di una importantissima finale regionale vinta contro Settimo.”

 

Come avete vissuto dall’interno la crescita del gruppo? Vi sentite migliorate personale? 

M: “Questa stagione mi ha fatto capire che la forza di squadra è più importante di quella delle singole giocatrici. Avere fiducia e credere nelle potenzialità delle mie compagne è stato essenziale per superare  momenti di difficoltà e per raggiungere quei piccoli grandi obbiettivi che ci eravamo fissati a inizio anno. A livello personale penso di essere cresciuta sia dal punto di vista tecnico che caratteriale e spero di continuare a farlo!”

A: “Come dicevo prima mi è piaciuto proprio il concetto di squadra che si è andato a formare nel corso della stagione. Ci siamo impegnate tutte ogni giorno in palestra, abbiamo dato il massimo e siamo riuscite a mettere a disposizione del gruppo le nostre individualità. Mi ritengo molto soddisfatta della mia crescita personale e sono consapevole che posso ancora migliorare grazie anche alla professionalità delle persone che mi hanno aiutato in questo anno.”

 

Perché avete deciso di rimanere nel mondo Agil Volley?

M: “Sono cresciuta nel mondo Agil e ne sono fiera! Ho deciso di continuare in questa società perché mi ha colpito molto la professionalità con cui si lavora e il clima sereno che ogni anno si crea!”

A: “Ho deciso di restare per tutto, per come ho passato questa stagione, per le amicizie che si sono create, per come è organizzato il tutto e per la possibilità di conquistarmi per il futuro una maglia in Serie A.”

 

Ora uno sguardo verso il futuro. Cosa vi aspettate dalla prossima stagione?

M: “Il mio obbiettivo, come unica over, sarà quello di creare un buon rapporto tra squadra e allenatori, essenziale per un clima sereno in palestra. 

L’obbiettivo di squadra sarà lavorare duramente fin da subito per posizionarci in media classifica.”

A: “Sicuramente crescere ancora tanto a livello personale. Con l’under 18 l’obiettivo sarà provare a bissare le finali nazionali mentre con la serie B2 cercheremo di far tesoro dell’esperienza passata e giocarcela con tutte.”

 

Ultime domande per Alessia impegnata in nazionale under 18. Cosa si prova ad essere il capitano della propria nazione? Siete soddisfatte dell’oro alle Olimpiadi Giovanili “EYOF”?

A: “Indossare la maglia azzurra è sempre una grande emozione. È inspiegabile l’amore che si prova per questa maglia, è sempre un onore indossarla ma è anche una grande soddisfazione per me e per la mia famiglia. Con la nazionale siamo contente per il percorso che stiamo affrontando ma questi primi tornei a cui abbiamo partecipato sono stati soltanto delle tappe di avvicinamento per il Mondiale. Il nostro obiettivo è arrivare nelle condizioni migliori possibili in Argentina per potercela giocare. Infatti fra pochi giorni partiremo per il Brasile e parteciperemo ad un quadrangolare, poi andremo in Argentina per il Mondiale.”

 

Da parte nostra un grosso in bocca al lupo ad entrambe.