Esordio sfortunato: sconfitta 3-1 a Modena in gara 1 di finale

52
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Esordio sfortunato per la Igor Volley nella finale dei Playoff Scudetto a Modena: le azzurre lottano ma cedono 3-1 alle emiliane, anche a seguito di una pesantissima rimonta subita nel finale di secondo set (da 17-21 a 25-21 per le modenesi) e dell’assenza forzata, nel finale, della leader novarese Katarina Barun Susnjar, uscita dolorante a inizio del quarto parziale.

Modena parte con Brakocevic opposta a Ferretti, Heyrman e Belien al centro, Bosetti e Ozsoy in banda e Leonardi libero. Azzurre schierate con Dijkema in regia e Barun Susnjar a chiudere la diagonale, Chirichella e Bonifacio al centro, Piccinini e Plak in banda e Sansonna libero.

Modena parte forte con Heyrman (fast, 6-2) e Ozsoy (diagonale, 8-5) mentre Novara si affida a Barun Susnjar che accorcia 10-9 con un tocco morbido prima dell’ace di Piccinini che vale l’11-11 seguito dal punto di Plak (11-12) che costringe al timeout Gaspari. Plak sbaglia (15-13), Ozsoy fa altrettanto (15-17) ma sul più bello Novara si inceppa e Modena scappa 21-19 col muro di Belien e, dopo il timeout di Fenoglio, 24-21 con un break segnato da due punti in successione di Brakocevic; la Igor reagisce con Bonifacio (24-23), ma Bosetti chiude il parziale in diagonale sul 25-23.

Novara riparte da Chirichella (fast, 2-5), Barun Susnjar mura Ozsoy e fa 7-10, poi la turca risponde con un incrocio spettacolare (10-11) e Bosetti sorpassa con due punti in successione, con il maniout del 13-12. Ne nasce un lungo testa a testa, rotto da Bonifacio sul 17-19 e poi, dopo due timeout di Gaspari, dall’errore di Ozsoy che vale il 17-21 azzurro; Gaspari pesca, però, il “jolly” dalla panchina: dentro Bianchini che trova un lunghissimo turno in battuta, aiutata da una serie di difese decisive da parte delle compagne, che culmina nell’ace del 24-21. Poi Brakocevic, a segno 5 volte nella parte finale del set, chiude i conti con il diagonale del 25-21.

Spalle al muro, Novara risponde con Plak a segno per il 4-5 e poi, con una gran diagonale, per il 7-7; Piccinini mura Brakocevic (8-9), Ozsoy sbaglia e dopo il muro di Chirichella arriva anche l’ace di Piccinini per il 10-14. Barun Susnjar allungaa (12-17, poi 14-18) mentre Modena commette una lunga serie di errori che portano le azzurre a scappare 17-23; un altro attacco di Barun Susnjar e un muro di Chirichella fanno 17-25 e riaprono il match.

Modena riparte spingendo sull’acceleratore (4-1 con Bosetti, ancora a segno in diagonale) mentre Piccinini prima sbaglia il punto del 6-2, poi trova tre punti in successione che ricompattano lo score sul 7-6 e costringono Gaspari al timeout. Al rientro in campo, la doccia fredda per la Igor che perde Barun Susnjar (sostituita da Pietersen) ma lotta comunque fino al 13-13 prima che il turno in battuta di Brakocevic scavi il solco decisivo (17-13, ace). Zannoni si esalta in difesa, Ozsoy mura Chirichella (19-15) e Plak in diagonale accorcia ulteriormente le distanze sul 20-17. L’ultimo sussulto, però, arriva sul 22-19 con un’invasione modenese: dopo il timeout di Gaspari, Modena chiude di slancio con l’aiuto del nastro (24-19, Brakocevic) e con un primo tempo di Belien (25-19).

La serie si sposta ora al Pala Igor, dove le azzurre ospiteranno Modena per gara due (mercoledì sera alle 20.30) e gara tre (sabato sera alle 20.45). L’eventuale gara quattro si disputerà ancora a Modena, mentre la “bella” sarebbe di nuovo a Novara.

Liu Jo Nordmeccanica Modena – Igor Volley Novara 3-1 (25-23, 25-21, 17-25, 25-20)
Liu Jo Nordmeccanica Modena
: Caracuta ne, Brakocevic 17, Belien 9, Valeriano, Heyrman 9, Leonardi (L), Marcon ne, Bosetti 15, Ferretti 3, Petrucci ne, Ozsoy 14, Bianchini 2, Garzaro ne. All. Gaspari.
Igor Volley Novara: Alberti, Cambi, Plak 12, Donà 1, Pietersen 2, Bonifacio 5, Chirichella 14, Sansonna (L), Piccinini 11, Dijkema 1, Zannoni, Barcellini ne, Barun-Sunsnjar 13. All. Fenoglio.