Golden set amaro per le azzurre

46
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Golden set beffardo per la Igor Volley di Marco Fenoglio, che dopo aver ribaltato la sconfitta subita nella gara d’andata a Baku e aver superato per 3-1 l’Azeryol, cede alle azere nel decisivo golden set di spareggio. Decisive, nel momento clou del match, le sbavature in seconda linea che sono costate alle azzurre anche la splendida rimonta compiuta nel secondo parziale. Alle azzurre non bastano i 52 punti messi a segno, in due, da Fabris e Cruz. Decisiva, tra le ospiti, Stepaniuk, a segno ripetutamente nei momenti decisivi dell’incontro.

Fenoglio conferma la formazione di Montichiari, con Fabris opposta a Signorile, Bonifacio e Guiggi al centro, Cruz e Fawcett in banda e Sansonna libero; Baku risonde con Kanthong in diagonale alla regista Apitz, Parkhomenko e Dobi al centro, Stepaniuk e Zhidkova in banda e Karimova libero.

Botta e risposta in avvio tra Cruz (3-2) e Zhidkova (4-6), poi dopo il muro di Fawcett su Dobi (7-6) le azzurre allungano 9-7 con Fabris, mantenendo le distanze sul 14-12 con l’ace di Guiggi. Il nuovo break azzurro porta la firma di Fabris e Bonifacio, che spingono le azzurre sul 20-13 mentre il tecnico ospite chiama due volte timeout, e di Signorile che trova l’ace del 21-13. Le azere rientrano di colpo in partita con Zhidkova (22-16) e il servizio insidioso di Apitz (ace, 22-18) mentre Guiggi conquista il set ball (24-20) in fast e al quarto tentativo Cruz chiude in diagonale 25-23.

Riparte forte Baku, mentre Novara perde colpi in ricezione e sull’1-4 Fenoglio ferma subito il gioco, senza cambiare però l’inerzia del set: 4-8 al timeout tecnico sull’errore di Cruz. Dentro Malesevic ma Baku allunga 6-13 e, dopo il secondo timeout di Fenoglio, 8-16 con l’attacco vincente di Kanthong; entra anche Chirichella, Fawcett e Fabris, con due muri personali, accorciano 15-20 e poco dopo, sul turno in battuta di Cruz, Novara rimonta fino al 21-21 (muro di Fawcett su Parkhomenko). Guiggi conquista addirittura il set ball (24-23) ma ai vantaggi le ospiti sfruttano le sbavature in ricezione delle azzurre e chiudono 26-28 con l’ace di Stepaniuk che sorprende Sansonna.

Sull’onda dell’entusiasmo, Baku scappa subito 3-6 ma dopo il timeout di Fenoglio Cruz accorcia 6-7 e Fabris sorpassa 8-7 dando il “la” al break che vale, presto, il 12-7 per le azzurre con Baku che chiama timeout. Al ritorno in campo, arriva il contro break ospite con il muro su Cruz (15-14) e due gravi pasticci in ricezione della Igor (18-18) fino addirittura al sorpasso con il muro di Niemer su Fabris per il 20-21. Novara torna avanti 22-21, Fabris e Chirichella a muro conquistano il set ball (24-22) e al secondo tentativo chiude Cruz 25-23, in maniout.

Si riparte con Niemer e Bosetti titolari al posto, rispettivamente, di Zhidkova e Fawcett e Novara che scava subito il solco con Guiggi (fast, 3-1) e Fabris (parallela, 8-4) prima dell’errore di Kamthong in attacco che vale il 12-7 a metà parziale e costringe Baku al timeout. Novara non si ferma e prosegue a dettare il ritmo con Fabris (16-10, poi 20-11) mentre le ospiti cambiano invano assetto: Bosetti avvicina il traguardo in maniout (22-12), Guiggi chiude murando Parkhomenko (25-18) e manda le squadre al golden set.

Novara tentenna in ricezione, Kanthong forza in battuta e Baku va 2-6, passando 4-8 al cambio campo. Cruz e Fabris accorciano (ace, 8-9), Baku torna 8-11 sull’errore della portoricana e Bosetti ricuce 11-12 costringendo al timeout Baku. Novara sbanda ancora in ricezione, Dobi sfrutta l’errore di Sansonna e conquista il match ball: Bosetti e Fabris accorciano, poi ancora Dobi chiude in fast 13-15.

Igor Volley Novara – Azeryol Baku 3-1 (25-23, 26-28, 25-23, 25-18 – golden set 13-15)
Igor Volley
: Fawcett 11, Wawrzyniak ne, Malesevic, Guiggi 10, Cruz 19, Bonifacio 5, Chirichella 4, Sansonna (L), Signorile 3, Bosetti 6, Bosio ne, Fabris 33. All. Fenoglio.
Azeryol Baku: Apitz 4, Niemer 8, Kanthong 14, Richey, Parkhomenko 9, Stepaniuk 17, Karimova (L), Zhidkova 16, Habibova 1, Dobi 8, Karimova, Aliyeva. All. Rajabov.