I muscoli del Volleyrò nelle mani di Fabrizio Ceci e Fabio Poli

53
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Prosegue da circa dieci giorni il lavoro di preparazione del Volleyrò Casal de’ Pazzi. I tre gruppi impegnati negli allenamenti, l’Under 14, l’Under 16 e l’Under 18, viaggiano a ritmo di due sedute giornaliere, scandite da allenamenti tecnici e, soprattutto in questa prima fase, da un intenso lavoro atletico guidato dai due preparatori, Fabrizio Ceci e Fabio Poli.

“Stiamo lavorando sulla prevenzione – spiega Fabio Polie sulla capacità di creare una buona base di lavoro. Le ragazze, infatti, dopo un mese e mezzo circa di inattività devono essere in grado di sopportare i carichi che affronteranno durante gli allenamenti. Si lavora proprio sulla capacità di accumulare la fatica”.

Ieri sono rientrate tre delle quattro azzurre campionesse del mondo Under 18, Giulia Melli, Alice Pamio e Claudia Provaroni, che si sono subito dimostrate pronte e in perfette condizioni fisiche.

“Non faticheranno ad aggregarsi al resto del gruppo – dice Fabrizio Cecianzi, hanno già ricominciato a lavorare alla pari con le altre compagne e devo dire che sono in ottima forma. In generale, a parte Giulia Mancini che non abbiamo ancora visto, siamo soddisfatti di come tutte le ragazze si sono ripresentate agli allenamenti. Anche le nuove non hanno particolari problemi”.

Dallo scorso anno Fabrizio e Fabio hanno cominciato a collaborare insieme e i risultati hanno dato ragione ai loro sforzi.

“Ci siamo trovati subito in sintonia – conferma Fabio Polinonostante avessi lavorato per due anni da solo. In Fabrizio ho trovato una guida e ha completato e ampliato le mie conoscenze”. “Assolutamente – continua Fabrizio Ceciabbiamo lavorato bene e a Fabio ho delegato quello che un “giovane” deve fare, ovvero portare il più possibile delle novità all’interno delle sedute di allenamento. Quest’anno c’è anche Paolo De Persio che completa il settore scientifico, a cui ci affidiamo per eventuali problemi fisici che possono avere le ragazze”.

Fabio e Fabrizio vengono da esperienze diverse, ma entrambi hanno trovato al Volleyrò una consacrazione umana e professionale difficile da riscontrare altrove.

“Per me il Volleyrò è stato un punto di inizio – conclude Fabio Polie per questo devo ringraziare Armando Monini che è stato una figura fondamentale per la mia carriera, perché dal nulla mi ha portato a vincere quattro scudetti in due anni. Devo ringraziare anche tutto il resto della società, Andrea Scozzese, Laura Bruschini e Luigi Caruso, che sono stati determinanti per la mia crescita”. Gli fa eco il suo collega: “Mi associo ai ringraziamenti di Fabio. Tanti anni fa lavoravo per il Casal de’ Pazzi, poi ho avuto esperienze diverse. Che dire di una società che subito mi ha fatto vincere due scudetti? Soltanto che dovrebbe essere presa come modello”.