Ieri la tradizionale cena di Natale

83
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Nella splendida cornice del “Ca’ – The place to be”, la Igor Volley tutta si è ritrovata ieri per i tradizionali auguri di Natale, con la prima squadra allenata da Luciano Pedullà che ha potuto raccogliere l’abbraccio di sponsor, dirigenza e istituzioni. Tutte unite, le tante componenti che hanno prima dato vita al progetto Igor Volley e che poi lo hanno seguito (e continuano a farlo) lungo il suo percorso di crescita continua e vertiginosa, si sono scambiate gli auguri e hanno tributato, alle azzurre, un lungo e meritato applauso per lo spettacolare avvio di stagione fin qui disputato. «Le  ragazze stanno facendo qualcosa di fantastico – ha spiegato il presidente suor Giovanna Saporiti – e meritano un applauso, così come ogni componente dello staff tecnico che, evidentemente, lavora quotidianamente in maniera impeccabile. Un altro applauso lo meritano sponsor e istituzioni, senza cui non saremmo dove siamo e questo è giusto ricordarlo sempre. C’è ancora una partita per chiudere al meglio quest’anno fantastico, sappiamo che non sarà facile ma vogliamo chiudere al primo posto il 2014».
 
Entusiasta anche il main sponsor azzurro, Fabio Leonardi (Igor Gorgonzola Srl): «Stiamo facendo cose eccezionali, la squadra ha un rendimento altissimo e il merito è di Luciano Pedullà e del suo staff tecnico, perché con una squadra ricostruita quasi per intero in estate non era certo facile partire così. La strada è ancora lunga e vogliamo continuare a crescere… intanto però godiamo del presente e festeggiamo un Natale da primi in classifica».
 
Guarda avanti anche Luciano Pedullà: «Bisogna ancora fare molto, la stagione è lunga e la squadra ha ancora grandi margini di miglioramento. Intanto voglio ringraziare le ragazze, il mio staff e la dirigenza: in palestra c’è un clima stupendo, lavorare tanto e duramente come stiamo facendo non è un peso ma diventa addirittura piacevole e questo è un ingrediente fondamentale per costruire qualcosa di importante».
 
Pensiero ripreso anche dal capitano azzurro Martina Guiggi: «Il nostro sport, che è anche il nostro mestiere, non ci consente purtroppo di passare le feste con i nostri cari, come ci piacerebbe. La cosa bella, però, è che si è creata una sorta di “famiglia azzurra”, composta da squadra, staff e società. Posso dire che in queste condizioni anche rinunciare a passare il Natale con i propri cari pesa di meno. E poi c’è da lavorare bene in questi giorni, ci aspetta ancora una partita importante per chiudere al meglio questo 2014».
 
Azzurre che, proprio in vista dell’impegno di Santo Stefano a Forlì (ore 18), si sono ritrovate già oggi in palestra per preparare il match. Per Guiggi e compagne, “break” solo nel pomeriggio del 24 e nella mattinata del 25, prima della partenza per Forlì nella primissima mattina del 26.