KO con la Foppa: sfuma la Coppa

47
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Brutta sconfitta per la Igor Volley, che cede in casa con Bergamo nei quarti di finale di Coppa Italia e dice così addio alla qualificazione alla Final Four della manifestazione di cui le azzurre sono campionesse uscenti. Nella serata più importante, capitan Guiggi e compagne non replicano la bella prova offerta contro Casalmaggiore, soccombendo in tutti i fondamentali nella sfida contro le orobiche, trascinate dall’ex Barun (19 punti per lei).
 
Ancora senza Chirichella, Fenoglio si affida Fabris opposta a Signorile, Bonifacio e Guiggi al centro, Fawcett e Cruz in banda e Sansonna libero; Lavarini risponde con Barun opposta a Lo Bianco, Aelbrecht e Paggi al centro, Gennari e Sylla in banda e Cardullo libero.
 
Pessimo l’approccio alla partita di Novara, mentre Bergamo parte subito forte e scava il solco sul turno in battuta di Sylla, portandosi 0-5 con Gennari (pipe). La reazione di Novara è debole, Bergamo scappa 2-10 con Barun e poi 4-12 al timeout tecnico toccando il massimo vantaggio sul 4-14 (Sylla) mentre Fenoglio cambia le bande inserendo Bosetti e Malesevic. Finalmente Novara si scuote dal torpore: Bosetti va a segno due volte, Guiggi e Fabris fanno 14-20 e Lavarini ferma il gioco. Al ritorno in campo Bergamo completa l’opera con Aelbrecht che conquista il set ball in primo tempo (17-24) e Barun che chiude 18-25 in diagonale.
 
Novara riparte con Bosetti e Malesevic in campo ma sull’1-4 Fenoglio deve subito fermare il gioco: dopo il timeout, le azzurre rientrano con Bosetti e Fabris (5-6) prima del nuovo break ospite con Sylla che fa 6-11 e Paggi che manda le squadre al timeout tecnico sul 7-12. Rientra Cruz, Guiggi accorcia 12-16 con una fast e un muro, la portoricana fa 16-19 ma è l’ultimo acuto azzurro: Barun scava il solco a muro (17-23), Malesevic firma il 21-24 poi un errore in battuta di Cruz fa 21-25.
 
Il terzo set prosegue sulla falsariga dei precedenti: Barun firma a muro il primo break (1-4), Fenoglio inserisce Bosio e Fawcett ma invano. Dopo l’errore di Barun (8-10), Bergamo scappa di nuovo con Sylla (8-12) e due muri consecutivi su Bosetti (10-16). Il maniout di Gennari vale il match ball sul 15-24, Novara ne annulla tre poi soccombe sulla diagonale di Barun 18-25.
 
A fine partita, il tecnico azzurro Marco Fenoglio non usa giri di parole: «Abbiamo fatto una figuraccia di cui mi scuso con la città, la società e gli sponsor. Questa prestazione porterà delle conseguenze, saranno presi dei provvedimenti e saranno incrementati i carichi di lavoro perché evidentemente siamo indietro e dobbiamo lavorare».
 
Igor Volley – Foppapedretti Bergamo 0-3 (18-25, 21-25, 18-25)
Igor Volley
: Fawcett 3, Bruno ne, Wawrzyniak ne, Malesevic 6, Guiggi 8, Cruz 5, Bonifacio 7, Sansonna (L), Signorile, Bosetti 6, Mabilo ne, Bosio, Fabris 11. All. Fenoglio.
Bergamo: Mori, Plak 1, Frigo ne, Gennari 8, Cardullo (L), Aelbrecht 10, Paggi 2, Barun 19, Lo Bianco 2, Mambelli ne, Sylla 13. All. Lavarini.