La Igor espugna Piacenza in gara 2

41
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Impresa della Igor Volley di Luciano Pedullà, che espugna Piacenza e conquista il secondo atto della semifinale Playoff dopo aver vinto, sabato scorso, gara uno al Pala Terdoppio. Match tiratissimo e giocato sul filo del rasoio, con le azzurre capaci di avere la meglio nei momenti decisivi del match contro le bicampionesse d’Italia in carica. 

Piacenza in campo con Van Hecke opposta a Dirickx, Vargas e Leggeri al centro, Di Iulio e Sorokaite in banda e Cardullo libero; Novara schierata con Barun opposta a Signorile, Guiggi e Chirichella al centro, Klineman e Hill in banda e Sansonna libero.

Il primo break è delle azzurre (1-4) con Piacenza che ricuce sul 7-7 a muro (Van Hecke su Hill), prima del break emiliano sul turno in battuta di Sorokaite che vale il 12-8 al timeout tecnico. Padrone di casa che toccano il massimo vantaggio sul 14-9, poi Novara rientra 15-14 con due muri di Klineman su Vargas e Sorokaite mentre Gaspari cambia diagonale inserendo Caracuta e Kozuch. Barun impatta ai 17, l’errore di Van Hecke vale il 19-20 con Gaspari che ferma il gioco mentre Novara allunga 20-23 con Barun prima della pipe di Klineman che vale il set ball (21-24). Chiude Barun (21-25) dopo una gran difesa di Signorile. 

Piacenza reagisce con Di Iulio (5-3, poi 7-5) ma Novara ricuce lo strappo con il muro di Chirichella su Sorokaite (9-9) prima del nuovo break sul servizio di Sorokaite che vale il 12-9 al timeout tecnico. Chirichella fa il vuoto in battuta (ace, 13-13) e Novara rientra, con Klineman e Hill che firmano il sorpasso prima del muro di Chirichella su Vargas per il 16-18. Controbreak delle padrone di casa affidato a Sorokaite (pallonetto vincente per il 20-19), che mantengono l’inerzia favorevole nel finale chiudendo 25-23 con un altro pallonetto vincente firmato da Di Iulio.

Novara risponde in avvio di terzo set, con il turno in battuta di Barun (ace) che vale il 4-7 con un gran muro di Guiggi su Sorokaite, mentre Piacenza si affida a Van Hecke per rientrare 8-8 e poi 9-9 innescando il punto a punto rotto da Dirickx (13-11) dopo il timeout tecnico. Klineman reagisce in parallela (13-13), Barun firma l’ace del 14-15 e da il “la” al break azzurro concretizzato dal gran muro di Klineman su Vargas (14-17), con Gaspari che inserisce al centro Wilson. Hill allunga (15-20) dopo una gran difesa di Sansonna, ancora Dirickx in battuta (due ace, 19-20) risponde prima del break decisivo con Chirichella che mura Di Iulio e Van Hecke (20-23) e Barun che mette a segno gli ultimi due punti complice anche un gran recupero di Sansonna e Alberti per il 20-25. 

Piacenza riparte con Wilson in sestetto ma è Novara che fa l’andatura (0-2 con primo tempo vincente e muro su Di Iulio di Chirichella) nonostante i tentativi di Wilson (5-5) e Sorokaite (6-6) di tenere le padrone di casa in partita. Barun si esalta in difesa, Sorokaite sbaglia (6-9) e Gaspari ferma il gioco, poi Signorile mura Sorokaite e Hill fa 8-11 con le azzurre avanti 10-12 al timeout tecnico. Al ritorno in campo, Piacenza ricuce lo strappo con Di Iulio (ace) e Wilson (primo tempo) per il 15-15 poi Kozuch sorpassa addirittura con l’ace del 18-17. Pedullà ferma il gioco, Barun mura Di Iulio e sorpassa, poi trova il break dopo uno scambio infinito e Klineman, a rete, fa 19-22. Piacenza rientra con il turno in battuta di Van Hecke, Wilson e Sorokaite annullano due match ball, poi Klineman chiude i giochi: prima firma la diagonale dopo uno scambio infinito, poi, in pipe, fa 24-26.

Le azzurre si ritroveranno giovedì in palestra per preparare gara tre di semifinale in programma sabato (ore 20.45, diretta su Rai Sport 1) al Pala Terdoppio.

 

PIACENZA – IGOR VOLLEY NOVARA 1-3 (21-25, 25-23, 20-25, 24-26)
Piacenza: Sorokaite 14, Valeriano, Dirickx 6, Leggeri 2, Vargas 3, Van Hecke 22, Di Iulio 10, Poggi (L) ne, Angeloni ne, Wilson 5, Caracuta, Kozuch 4, Cardullo (L). All. Gaspari.
Igor Volley: Partenio ne, Klineman 20, Kim ne, Guiggi 7, Bonifacio, Chirichella 10, Sansonna (L), Alberti, Signorile 1, Hill 12, Barun 21, Zanette. All. Pedullà.