La Igor conquista il pass per gli ottavi di Challenge Cup

764

La Igor Volley bissa il 3-0 della gara d’andata nei sedicesimi di finale di Challenge Cup contro le norvegesi del Randaberg IL e le azzurre si assicurano così il pass per glli ottavi di finale della competizione, in cui sfideranno le greche dell’Olympiakos dell’ex Igorina Yamila Nizetich (per lei una stagione a Novara, il 2018-2019, impreziosita da una Champions League e una Coppa Italia). Gara d’andata tra il 28 e il 30 novembre ad Atene, ritorno la settimana successiva a Novara.

Igor in campo con Durul opposta a Bartolucci, Chirichella e Guidi centrali, Kapralova e Szakmary schiacciatrici e De Nardi libero; Randaberg con Sorbo in regia e Vaigafa in diagonale, Nore e Stuzhuk al centro, Dahl e Johansen in banda e Gilje libero.

Due servizi vincenti di Chirichella (3-0) ma Randaberg reagisce e sorpassa (3-4), rimanendo testa a testa fino al 9-8 per le azzurre; il turno in battuta di Kapralova (ace, 11-8) propizia il break, Bartolucci fa 13-9 con un attacco di seconda intenzione e, poco dopo, il turno in battuta della regista azzurra propizia il 18-10 con Durul a segno in diagonale. Kapralova allunga ancora (20-12), un muro di Bartolucci vale il set ball (24-15) e Szakmary chiude l’incontro intercettando a rete il 25-15.

Ace di Bartolucci (4-1) e Novara riparte forte, con Randaberg che ferma invano il gioco sul 9-2 (turno infinito in battuta di Szakmary, fino al 12-2) e prova a rimanere in partita con Johansen (12-3, diagonale). Kapralova e Chirichella (15-3, poi 17-6) lanciano le azzurre, Guidi in maniout avvicina il traguardo sul 20-10 e Durul (per lei 7 punti e 67% di efficienza offensiva nel set) prima fa 22-13 in diagonale e poi chiude il parziale in maniout, sul 25-15.

I turni in battuta di Chirichella (2-0) e Szakmary (6-2) indirizzano subito anche il terzo parziale, dopo il timeout ospite Kapralova in diagonale spinge le sue al +7 (11-4) e Durul allunga il break sul 12-4. Incrocio vincente di Szakmary al centro (17-8), Kapralova va a segno anche in parallela (19-10) mentre Bernardi lancia Fersino nell’inedito ruolo di schiacciatrice, al posto di Szakmary. E’ Bartolucci a conquistare in attacco il match ball (24-12), poi Chirichella in fast chiude l’incontro sul 25-12.

Valentina Bartolucci (palleggiatrice Igor Gorgonzola Novara): “Siamo contente, abbiamo compiuto un altro passo avanti in questa competizione che ora ci porterà a sfidare l’Olympiakos di Atene negli ottavi di finale. E’ stata anche una bella occasione per tenere “in temperatura” anche chi di solito ha meno spazio e misurarsi con due partite vere; sappiamo che la stagione è lunga e ci sarà bisogno di tutte, dunque ben vengano occasioni come questa”.

Melis Durul (opposto Igor Gorgonzola Novara): “Finalmente, dopo un lunghissimo stop, questa doppia sfida con Randaberg mi ha permesso di riprendere confidenza con il campo e di dare il mio contributo alla squadra. E’ stata dura stare fuori, sono due settimane che sono in gruppo e lavoro ogni giorno per trovare la mia forma migliore, così da essere sempre pronta quando ci dovesse essere bisogno di me in campo”.

Live Sorbo (palleggiatrice Randaberg IL): “Per noi è stata una festa, una doppia sfida affascinante contro una delle squadre più forti al mondo. In campionato siamo imbattute, siamo abituate a essere noi il punto di riferimento e poterci misurare contro una squadra di un altro livello è stato un importante momento di crescita e di confronto. Abbiamo cercato di mettere a segno più punti possibile, godendoci la bella atmosfera con il giusto spirito di squadra e tanta voglia di divertirci”.

Igor Gorgonzola Novara – Randaberg IL 3-0 (25-15, 25-15, 25-12)
Igor Gorgonzola Novara: Szakmary 8, Guidi 4, Bosio ne, Bartolucci 7, De Nardi (L), Fersino, Bosetti ne, Chirichella 16, Danesi ne, Durul 14, Bonifacio (L) ne, Akimova ne, Kapralova 13. All. Bernardi.
Randaberg IL: Asmul ne, Dahl 7, Sorbo 1, Gilje (L), Nore 4, Johansen 10, Flatekval 2, Vaigafa 1, Adolfsen 1, Stinson ne, Langvatn ne, Fossmark ne, Stuzhuk 2, Eikevik (L) ne. All. Sorbo.
MVP Valentina Bartolucci