La Igor esordisce con un successo: 3-0 su Macerata

1228

La decima stagione in serie A1 della Igor Volley si apre con un successo contro la matricola Macerata, all’esordio assoluto nella massima serie. Con un’assenza per parte (Poulter tra le azzurre, Lipska tra le ospiti) a far la differenza sono in particolare due fondamentali: in battuta Novara conquista 11 punti diretti, contro i 3 delle marchigiane, mentre a muro le azzurre “doppiano” le avversarie 8-4. Da segnalare la prestazione di Ebrar Karakurt, premiata con merito MVP del match con 19 punti messi a segno, di cui 5 ace e 2 muri.

In un Pala Igor gremito da oltre 2500 spettatori, le azzurre scendono in campo con Karakurt opposta a Battistoni, Chirichella e Danesi centrali, Adams e Bosetti schiacciatrici e Fersino libero; Macerata con Ricci in regia e Malik in diagonale, Molinaro e Cosi al centro, Fiesoli e Abbott in banda e Fiori libero.

Bosetti firma il pallonetto del 6-4, con le azzurre che controllano il gioco e accelerano sul turno in battuta della schiacciatrice azzurra, che prima “doppia” le avversarie sul 10-5 e poi trova l’ace del +6 (11-5), mentre Paniconi ferma invano il gioco. Il ritmo di Novara è più alto, Adams fa 15-7 e Karakurt ipoteca il parziale con l’ace del 18-7 e con un turno in battuta che fa letteralmente il vuoto. E’ sempre la turca a chiudere i conti, poco dopo, sul 25-15, con un tocco vincente a rete.

E’ ancora l’opposto azzurro a indirizzare subito il secondo parziale, con il turno in battuta che vale il 7-2 grazie a due ace in successione, mentre capitan Chirichella in primo tempo fa 9-3 e poco dopo Danesi la imita, siglando il 13-5 che costringe le ospiti al timeout. Novara non si ferma e scappa con Adams (17-7), brava a sfruttare il muro ospite, poi due ace di Bosetti valgono prima il 18-7 e poi il 20-7 con Adams che prolunga il turno in battuta della compagna fino al set point, conquistato a rete per il 24-7. A chiudere i conti, dopo la reazione ospite (24-10), è ancora Adams, per il 25-10.

Lavarini inserisce Bonifacio al centro, mentre le ospiti alzano il ritmo e dopo l’8-5 iniziale di Bosetti e il primo tempo a segno della neo entrata (10-7), Macerata trova il break del 10-11 con un muro su Karakurt che porta Lavarini a fermare il gioco. L’ace di Karakurt vale il controsorpasso (12-11), poi Adams e ancora la turca firmano la fuga sul 14-11 con un diagonale incontenibile; entra anche Ituma, che subito si fa notare prima in parallela (21-16) e poi in diagonale (23-17) con Adams che poco dopo conquista in attacco il match ball (24-17). La reazione ospite si concretizza con un parzialino di 0-4 (muro su Chirichella, 24-21), poi è Adams a trovare il punto (25-21) che vale la prima vittoria stagionale per le azzurre.

Ilaria Battistoni (Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo avuto un esordio sicuramente molto positivo, per il risultato ma anche per come l’abbiamo ottenuto, di fatto controllando sempre il match. Ovviamente, come è normale che sia, ci sono alcune cose da aggiustare, anche perché abbiamo fatto due soli allenamenti insieme ma sono contenta dello spirito messo in campo. Lavoreremo in palestra per crescere come squadra“.

Alessia Fiesoli (CBF Balducci HR Macerata): “Sapevamo che questo esordio sarebbe stato per noi molto complicato e così è stato. Ci è mancato un po’ tutto nei primi due set, dalla ricezione alla gestione dell’alzata e dell’attacco, poi abbiamo sistemato un po’ le cose e siamo cresciute. Complimenti a Novara che si è dimostrata un top team nonostante non credo si sia allenata tanto insieme. Noi siamo delle neopromosse, faremo del nostro meglio per disputare un buon campionato“.

Igor Gorgonzola Novara – CBF Balducci HR Macerata 3-0 (25-15, 25-10, 25-21)
Igor Gorgonzola Novara: Cantoni ne, Adams 16, Bresciani (L) ne, Giovannini 1, Battistoni 1, Fersino (L), Bosetti 10, Chirichella 6, Danesi 3, Varela Gomez, Bonifacio 4, Carcaces ne, Ituma 2, Karakurt 19. All. Lavarini.
CBF Balducci HR Macerata: Cosi 6, Fiori (L), Abbott 4, Napodano (L), Ricci, Quarchioni, Okenwa 4, Molinaro 5, Milanova, Fiesoli 2, Malik 7, Poli ne. All. Paniconi.
MVP: Ebrar Karakurt