La Igor si ferma in semifinale di Champions League

371
Dopo poco più di 22 mesi dal trionfo di Berlino la Igor “abdica” dal trono d’Europa: le azzurre vengono sconfitte per 3-0 nel ritorno della semifinale di Champions League contro Conegliano e mancano così la qualificazione per le Superfinals del 1 maggio a Verona. Domani il ritorno dell’altra semifinale tra Busto Arsizio e Vakifbank per definire chi contenderà alle venete di Santarelli il massimo trofeo europeo.

Conegliano in campo con Egonu opposta a Wolosz, Fahr e De Kruijf centrali, Hill e Adams schiacciatrici e De Gennaro libero; Novara con Hancock in regia e Smarzek in diagonale, Chirichella e Washington al centro, Daalderop e Bosetti in banda e Sansonna libero.

Le padrone di casa partono subito forte (6-2) e Novara fatica a ingranare, sotto i colpi di una Adams scatenata (11-5 con un muro e un attacco dell’americana) mentre Lavarini ferma invano il gioco. Conegliano spinge fino al 17-7, Bosetti prova a rialzare le sue (19-11, muro) mentre Herbots prende il posto di Smarzek; non cambia però l’inerzia, con Chirichella ultima ad arrendersi (24-15, primo tempo) prima dell’attacco di Fahr che vale l’1-0.

Con Zanette in sestetto la Igor prova ad alzare il ritmo in battuta (0-2, ace di Bosetti) e in attacco con Washington che fa 3-6 in fast. Conegliano ricuce (7-7) con due punti di Egonu ma le azzurre tornano avanti 10-13 con Daalderop e Zanette a segno; sul turno in battuta di Egonu (due ace e 7-0), Conegliano inverte l’inerzia e va 17-13 con Novara che prova a ricucire lo strappo con due muri di Washington (19-17), un ace di Herbots e un lob di Bosetti (19-19). Nel finale il break decisivo è di Conegliano, che fa 25-23 con Egonu in diagonale e archivia così il discorso qualificazione.

Botta (3-1, Adams) e risposta (3-3, ace di Zanette) in avvio ma Conegliano conquista subito un break di vantaggio (8-5) che porta avanti fino al 12-9, mentre tra le azzurre c’è Bonifacio al centro (subito a segno) e tra le padrone di casa c’è spazio per diverse seconde linee. Non cambia l’inerzia (17-13, Adams), Bonifacio (20-15) e Washington (23-19 in fast) sono le ultime ad arrendersi, ma Gicquel chiude i conti di slancio, sul 25-20 che “sigilla” il 3-0.

Micha Hancock (palleggiatrice Igor Gorgonzola Novara): “E’ stato un match complicato, si è visto che abbiamo avuto diverse difficoltà nel corso della partita. Ora dobbiamo lavorare per migliorare la nostra pallavolo e speriamo di poterci misurare ancora con Conegliano nelle finali Scudetto”.

Imoco Conegliano – Igor Gorgonzola Novara 3-0 (25-15, 25-23, 25-20)
Imoco Conegliano
: Caravello, Gicquel 4, Butigan, De Kruijf 4, Folie (L) ne, Omoruyi, De Gennaro (L), Adams 16, Gennari, Wolosz, Hill 12, Sylla ne, Egonu 15, Fahr 10. All. Santarelli.
Igor Gorgonzola Novara: Populini, Herbots 7, Napodano (L) ne, Zanette 4, Battistoni ne, Bosetti 10, Chirichella 1, Sansonna (L), Hancock 1, Bonifacio 2, Tajè, Washington 8, Smarzek 1, Daalderop 4. All. Lavarini.
MVP Joanna Wolosz