La prima semifinale è della Igor: vittoria per 3-2 sull’Eczacibasi

1359

Inizia con il piede giusto la semifinale di Champions League per la Igor Volley di Stefano Lavarini, che conquista in cinque set il successo in un Pala Igor sold-out come non accadeva da oltre un anno. Due set devastanti delle azzurre, poi la rimonta delle ospiti (unica formazione fin qui imbattuta in Champions League), prima del tie-break che vede Karakurt (premiata con merito MVP dell’incontro) e compagne rimontare dal 2-6 iniziale e vincere ai vantaggi, al secondo match point, per 16-14.

Igor in campo con Battistoni in regia e Karakurt in diagonale, Chirichella e Danesi al centro, Bosetti e Carcaces in banda e Fersino libero; Eczacibasi con Boskovic opposta a Ognjenovic, Heyrman e Jack centrali, Baladin e Voronkova schiacciatrici e Akoz libero.

Heyrman firma il primo break (0-2), Baladin scappa sul 3-7 e Carcaces risponde (5-7) prima del muro di Danesi che vale il pari (9-9) con la centrale che replica in primo tempo per l’11-9. Boskovic sorpassa con difesa e attacco (12-13), Baladin scappa a muro (13-15) e nonostante il ritorno di Novara l’inerzia rimane favorevole alle ospiti fino al 18-20 con l’ace di Sahin. Novara fa 4-0 e va 22-20, Heyrman in primo tempo chiude uno scambio infinito (22-22), ma dopo una difesa di “testa” a segno di Battistoni (24-23) l’ace di Karakurt chiude il set sul 25-23.

Chirichella a muro fa break (4-2), Karakurt in diagonale e Danesi a muro scappano 8-4 e dopo il timeout dell’Eczacibasi Bosetti allunga sul 10-5 in maniout; due punti in fila di Carcaces per il 14-7, Akbas inserisce Guveli al centro ma due ace di Danesi sigillano il 16-7 con le ospiti che rientrano 17-13 e Novara che si affida al primo tempo di Chirichella (19-13) che poi difende una gran palla e favorisce il 22-14 di Bosetti. Due muri sulla schiacciatrice azzurra (22-18), Lavarini ferma il gioco e Karakurt riprende la marcia (23-18) con Carcaces che poco dopo inchioda la diagonale del 25-19.

Subito due muri ospiti (1-3), Battistoni però fa altrettanto (4-3) e Novara scappa 7-4 prima del controbreak ospite (7-7) e del sorpasso operato da Voronkova, che va a segno a rete (8-10). Boskovic fa il vuoto in diagonale (10-15) ma poi sbaglia (16-19) mentre Novara cambia due volte la diagonale principale; Karakurt ci prova (17-20) in diagonale, un muro delle turche vale il 19-23 che mette al sicuro il set, chiuso poco dopo da un fallo a rete sul 20-25.

Subito avanti le ospiti (4-7), un muro su Bosetti vale il 5-9 e Boskovic macina punti, andando a segno sul 7-11 e sull’8-13 mentre Lavarini prova a inserire Adams in banda. Ognjenovic scappa via (9-16), Novara cambia la regia ma non l’inerzia del set con Danesi che ci prova (13-18) ma l’Eczacibasi mantiene il controllo chiudendo 17-25 su un attacco out delle azzurre.

Boskovic e Voronkova trascinano le turche sul 2-6, dopo il timeout di Lavarini le azzurre mandano in battuta Karakurt che fa 5-0 e va sul 7-6 con la stessa opposta turca che manda le squadre al cambio campo sull’8-7, andando a segno in diagonale. Prosegue il testa a testa, Carcaces (10-9) duella con Baladin (11-11) e nel momento decisivo Bosetti con una magia salva una palla compromessa, firmando il 12-11. Si va avanti senza break, con Novara che conquista un match ball sul 14-13 e Boskovic che lo annulla (14-14), Karakurt che chiude uno scambio infinito (15-14) e un’infrazione in palleggio delle ospiti che vale il 3-2 (16-14).

Ebrar Karakurt (opposto Igor Gorgonzola Novara): “Sono orgogliosa di me e di tutte le mie compagne, oggi abbiamo conquistato una vittoria importante ma la vera partita, ne siamo consapevoli, si giocherà la settimana prossima a Istanbul. Servirà alzare ulteriormente l’asticella, anche perché il clima sarà infuocato“.

Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo iniziato le semifinali con il piede giusto, con una grande partita contro un avversario che sapevamo essere fortissimo. Complimenti alla squadra per i primi due set e per come, una volta che le nostre avversarie erano state brave a invertire l’inerzia, è riuscita poi a ribaltare il tie-break quando eravamo sotto 2-6. Ora lavoreremo per provare a completare l’opera in Turchia“.

Igor Gorgonzola Novara – Eczacibasi Dynavit Istanbul 3-2 (25-23, 25-19, 20-25, 17-25, 16-14).
Igor Gorgonzola Novara: Cambi, Adams, Bresciani ne, Giovannini, Battistoni 3, Fersino (L), Bosetti 9, Chirichella 7, Danesi 9, Bonifacio ne, Carcaces 13, Ituma, Varela (L) ne, Karakurt 27. All. Lavarini.
Eczacibasi Dynavit Istanbul: Cetinay (L), Akoz (L), Boskovic 27, Arici 1, Heyrman 5, S. Sahin 1, Baladin 13, Guveliy 5, Ognjenovic 2, E. Sahin 2, Fabris ne, Erkek 2, Voronkova 12, Jack 4. All. Akbas.
MVP Ebrar Karakurt