Pedullà guiderà anche la Germania

46
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Incarico di prestigio per l’allenatore della Igor Volley Luciano Pedullà, che da oggi è il nuovo selezionatore della nazionale tedesca femminile seniores. Un incarico che è motivo d’orgoglio per il club tutto (nonché per la città di Novara) e che si svilupperà in parallelo all’avventura sulla panchina azzurra del tecnico novarese.
 
«Ovviamente siamo orgogliosi che la federazione tedesca abbia scelto Luciano – spiega il d.g. Enrico Marchioni – e siamo felici che possa avere questa importante opportunità professionale che, è giusto ribadirlo, non influenzerà in alcun modo il lavoro che continuerà a svolgere con la nostra società».
 
Concetto, questo, ribadito anche da Pedullà stesso: «Ho accettato con gioia la proposta della federazione tedesca, che ringrazio per la fiducia accordatami, e sono felice di poter svolgere questo nuovo ruolo in parallelo al mio impegno, che rimane immutato, con la Igor Volley. Ho la possibilità di avere il doppio incarico e riconosco che diversamente non me la sarei sentita di accettare. Sono legato alla nazionale tedesca fino alle Olimpiadi ed è ovvio che il sogno, oltre che l’obiettivo, sarebbe quello di riuscire a centrare la qualificazione. Comunque, per il momento, resto concentrato sui miei impegni con la Igor, solo in seguito penserò al lavoro con la nazionale tedesca».
 
Un lavoro che affascina molto il tecnico novarese: «Ci sarà da costruire qualcosa di nuovo, ripartire con un ciclo biennale che vivrà il suo culmine nell’inseguimento di un “pass” per le Olimpiadi. Per me non è mai facile sacrificare del tempo che, per forza di cose, toglierò alla mia famiglia… ma se ho deciso di accettare è perché si tratta di una sfida che davvero mi attira molto. Ora, però, come già detto non è ancora il tempo di pensarci: con la Igor siamo pronti a vivere dieci giorni davvero molto importanti per il prosieguo e per la conclusione della stagione e i miei pensieri sono tutti rivolti alla mia squadra e agli obiettivi per cui competeremo a breve».