Tris di presentazioni: ecco Skorupa, Vasilantonaki e Baraldi

102
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Primi volti nuovi per la Igor Volley, che ha presentato ufficialmente nell’ormai consueta cornice del Tenimento al Castello di Sillavengo, un tris di nuovi arrivi. A ricevere l’accoglienza di dirigenza, sponsor e autorità e a rispondere alle domande dei giornalisti, la regista polacca Kasia Skorupa, il martello greco Anthi Vasilantonaki e il tecnico Davide Baraldi cui toccherà il compito di affiancare Massimo Barbolini.

“Nella mia vita sono abituata a prendere le decisioni in maniera semplice: o sì o no. Con Novara ho deciso in poche ore – spiega Kasia Skorupa – e sono felice di essere arrivata qui e di avere quindi l’opportunità di giocare in una squadra di alto livello che ho potuto apprezzare da avversaria e con cui ora condivido ambizioni e obiettivi. La Champions League? E’ un palcoscenico bellissimo, io non l’ho mai vinta e spero di fare bene assieme alle mie compagne: di sicuro la squadra che la società sta allestendo è di altissimo livello”.

Parole cui fanno eco quelle di Anthi Vasilantonaki, già quattro anni fa vicina a vestire l’azzurro da giovanissima (aveva 17 anni): “Conosco Novara, so che è un club importante e so che qui si compete per essere al top e sono felice di poter intraprendere questa sfida. Posso ricoprire due ruoli e di questo sono orgogliosa, perché mi da la possibilità di aiutare la squadra e di dare il mio contributo in diverse situazioni di gioco. La nuova stagione? Non vedo l’ora di iniziare ma prima voglio provare a regalare alla mia Grecia la qualificazione ai Mondiali”.

Entusiasta anche Davide Baraldi: “Ringrazio la società per questa bella opportunità che vivo con emozione, orgoglio e ambizione. Voglio vincere qualcosa di importante, mi manca un trofeo di spessore nella mia carriera da allenatore e mi auguro di poter colmare questa lacuna proprio qui a Novara. Conosco la società, conosco la piazza e so che il club sta compiendo sforzi importanti per allestire una squadra di primo piano: è una sfida importante di cui sono assolutamente entusiasta”.