Volleyrò, i complimenti alla under 18 Mondiale

45
AGIL Volley - Immagine non disponibile

La Nazionale Italiana Under 18 si è laueata campionessa del Mondo. Tra le dodici protagoniste della rassegna iridata in Perù, hanno fatto splendida figura cinque giocatrici del Volleyrò Casal de' Pazzi, fresche campionesse d'Italia: Giulia Mancini, Giulia Melli, Alice Pamio e Claudia Provaroni, nonché  Vittoria Piani, atleta che ha fatto l'intero percorso giovanile con Orago e che nell'ultimo anno è stata prestata dal Volleyrò al Club Italia per la Serie A2.

"Voglio fare innanzitutto i complimenti alle  nostre ragazze per l'impegno sportivo, scolastico e comportamentale – spiega Andrea Scozzese che insieme ad Armando Monini è l'anima del Volleyrò – che hanno messo in una stagione così  lunga e importante. Ma vorrei anche complimentarmi con tutte le società e le famiglie che hanno consentito questo successo. Sono loro infatti, unitamente alla straordinara presenza e collaborazione con il mondo della scuola, la vera forza del movimento pallavolistico italiano. A riguardo, mi fa un immenso piacere sottolineare come il nostro Premier, Matteo Renzi, abbia perfettamente identificato in questi valori l'importanza del successo delle nostre ragazze. Un ringraziamento particolare, infatti, desidero rivolgerlo a tutti i dirigenti, i tecnici e i genitori per l'impegno profuso, i sacrifici effettuati, la passione e la disponibilità messi a disposizione di queste ragazze per raggiungere questo strordinario risultato. Come Volleyrò siamo lieti di aver contribuito in maniera importante con le nostre atlete e con il nostro modello di fare sport. Desidero anche ricordare il contributo che nella prima parte della "stagione estiva azzurra" hanno dato altre tre nostre ragazze di sicuro avvenire: Nwakalor, Bartolini e Ferrara".

Armando Monini ha guardato la finalissima da casa: "Ho provato un'emozione incredibile, anche se da lontano, nel seguire l'impresa delle nostre giocatrici. Osservare passo dopo passo le nostre ragazze nella vita di tutti i giorni, dalla scuola, alla foresteria, agli allenamenti, e averle aiutate a realizzare un sogno così grande come quello di diventare campionesse del mondo, ci ripaga per tutti i sacrifici e la passione che mettiamo quotidianamente e ci spinge ad andare avanti con sempre maggiore entusiasmo e con la speranza di scovare e lanciare ancora altre giovani campionesse".