Volleyrò, il professor Bosetti ad Asti

101
AGIL Volley - Immagine non disponibile

Nel suo tour che lo sta portando in giro per l’Italia, il professor Bosetti ha fatto tappa ad Asti, splendida cittadina di 77.000 abitanti. Conosciuta per la sua bellezza artistica, per i suoi vini e per la cucina, Asti vanta un interessante movimento pallavolistico che ha nella Play Asti il suo punto di riferimento.

“Siamo una società giovane, nata nell’estate del 2013 – spiega Omar Vettorello, direttore sportivo della Play Asti – ma contiamo già trecento tesserati. L’idea è stata di concentrarci sulla creazione di un settore giovanile di buon livello, rinunciando alle prime squadre per investire sulla base e dedicare ai giovani le risorse necessarie per creare una realtà solida e duratura. Ad Asti l’interesse per la pallavolo sta crescendo anche se il calcio a 5, con una squadra in Serie A, la fa da padrone. Noi, tuttavia, facciamo il nostro e siamo presenti in tutte le scuole della città, spesso sostituendoci alle ore di ginnastica. Alcuni imprenditori locali ci sostengono economicamente e l’obiettivo è di farci conoscere per la qualità dei nostri tecnici”.

L’idea di collaborare con il Volleyrò e di condividere con la società romana il progetto comune di crescita della pallavolo in Italia nasce proprio dalla volontà di migliorare le competenze tecniche degli allenatori. “La visita del professor Bosetti – conclude Vettorello – è stata molto utile. Abbiamo suddiviso la giornata in due momenti, con Bosetti a supervisionare gli allenamenti di due gruppi formati da circa venticinque ragazze. Il professore ci ha dato molti suggerimenti, ora starà a noi sfruttare al meglio quest’ulteriore bagaglio di esperienza”.